RigenerActions è il nome del workshop che ha visto coinvolti gli studenti del dipartimento di architettura del Liceo Artistico Sabatini Menna di Salerno tra i mesi di febbraio e marzo 2019. Il workshop si inserisce nel progetto SSMOLL per il riuso adattivo della chiesa di San Sebastiano del Monte dei Morti, detta dei Morticelli, guidato dal collettivo Blam in collaborazione con il DiARC(Dipartimento di Architettura dell’Università Federico II di Napoli) e il Comune di Salerno.
Il workshop si è articolato in tre gruppi tematici, suddividendo i ragazzi, attraverso un gioco di ruolo, in urbanisti, progettisti e tecnologi.
Gli studenti sono così chiamati a: ragionare ad una scala territoriale più ampia, sulla possibile formazione di una rete di chiese in disuso nel centro storico di Salerno; riflettere sui valori esistenti che caratterizzano la chiesa di San Sebastiano del Monte dei Morti, definita “dei Morticelli”, provando a tradurli in visioni future di riuso dello spazio per rispondere in risposta ad un bando ah hoc creato “Se non Chiesa, Cosa?”; auto-costruire un elemento temporaneo per utilizzare lo spazio pubblico antistante la chiesa per eventi artistici e culturali.
In tal modo, gli studenti sono portati a conoscere limiti e potenzialità della moderna figura di architetto, colui cioè che non può fare a meno dei differenti saperi e che deve essere in grado, in una logica di squadra, di saperli utilizzare e guidare complessivamente.

IL WORKSHOP_in dettaglio

I progettisti affrontano per la prima volta la necessità di dover rispondere ad un concorso di idee per loro costruito “ad hoc”. Il concorso “Se non Chiesa, Cosa?” richiede di elaborare un prodotto finale capace di contenere, attraverso forme e parole, l’idea di un possibile riuso dell’ex-chiesa in disuso da oltre trent’anni.

Per fare sintesi delle informazioni, hanno analizzato debolezze e potenzialità dell’ex-chiesa e del quartiere, al fine di far emergere alcune questioni principali capaci di scaturire possibili funzioni.

Gli urbanisti affrontano una scala territoriale più ampia, che racchiude un pezzo del centro storico di Salerno, in cui hanno l’obiettivo di identificare il percorso che collega luoghi ecclesiastici, su di esso presenti, in disuso, sotto-utilizzati o convertiti, al fine di produrre un elaborato finale che sia una mappa sensoriale di questo asse “di resilienza”, caratterizzato cioè da questioni fisiche, architettoniche, ma anche sensoriali (immagini, percezioni, suoni, profumi, sensazioni). Per fare questo, allo studio della cartografia di base hanno alternato passeggiate urbane, video-interviste ai gestori di questi spazi ecclesiastici, ad associazioni, tecnici comunali, commercianti, cittadini.

I tecnologi sono esposti alle questioni relative all’auto-costruzione, e dunque all’architettura temporanea, versatile, flessibile, in materiali poveri, da progettare e costruire insieme, con l’obiettivo di apprendere anche la tecnologia dei materiali e le modalità costruttive in una scala reale. Per fare questo, sono stati introdotti anche alle logiche del cantiere temporaneo. Dopo aver progettato possibili sgabelli in legno, hanno iniziato la costruzione di una struttura temporanea da installare all’esterno dei Morticelli, nell’area di pertinenza. Il “totem” in legno, conterrà sgabelli utili alla comunità per poterli utilizzare in Largo Plebiscito in occasione di eventi artistici e culturali.

Per vedere l’album completo delle foto clicca qui: https://www.facebook.com/pg/blam.strategieadattive/photos/?tab=album&album_id=341697166456012