Giovedì 20 Dicembre: conferenza stampa

Giovedì 20 dicembre, alle ore 11:00 presso la Sala Gonfalone del Palazzo di Città a Salerno, si terrà la conferenza stampa sulla riapertura della ex-chiesa di San Sebastiano del Monte dei Morti.

La chiesa dei Morticelli, come più comunemente conosciuta ai salernitani, è stata recentemente restituita al pubblico in una nuova veste. Il merito va a BLAM, collettivo di architetti, artisti, fotografi ed appassionati che, in collaborazione con il DiARC – Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II nelle vesti della prof.ssa Maria Cerreta e il Comune di Salerno, con il monitoraggio dell’assessore Domenico De Maio, hanno presentato un progetto di riuso adattivo del Bene storico in disuso attraverso pratiche di rigenerazione urbana collaborativa dal basso. La ex-chiesa, ora soprannominata spazio SSMOLL (San Sebastiano del Monte dei Morti Living Lab), si ripropone in funzione di laboratorio creativo dedicato alla città di Salerno.
Il collettivo BLAM, in occasione della conferenza stampa, presenterà al pubblico le prossime attività che si terranno nella ex-chiesa: domenica 23 dicembre, giorno dell’inaugurazione ufficiale, sarà possibile assistere alla performance/installazione Le voci degli altri | riparare i ricordi della compagnia Teatri Sospesi. Lo spettacolo site-specific di Carlo Roselli, fruibile da una persona alla volta a partire dalle 19.00 di Domenica 23, parte da un progetto sonoro di raccolta delle Voci di Salerno che dal 24 Dicembre ai primi di Gennaio sarà possibile udire nell’ex chiesa cinquescentesca.
Lo stesso giorno terminerà la caccia al tesoro fotografica: una passeggiata presso le vie del centro storico di Salerno, lungo il cui tragitto i partecipanti sono invitati a fotografare il loro punto di vista su alcuni punti d’interesse storico-culturali della città.

On Thursday December 20th, at 11:00 am at the Sala Gonfalone of Palazzo di Città in Salerno, a press conference will be held on the reopening of of San Sebastiano del Monte dei Morti church.

Morticelli church, as more commonly known in Salerno, has recently been returned to the public in a new guise. The merit goes to BLAM, a collective of architects, artists, photographers and enthusiasts who, in collaboration with the DiARC – Department of Architecture of the University of Naples Federico II in the role of professor Maria Cerreta and the Municipality of Salerno, with the monitoring of the councilor Domenico De Maio, presented a project of adaptive reuse of the disused historical good through bottom-up collaborative urban regeneration practices. The church, now nicknamed SSMOLL space (San Sebastiano del Monte dei Morti Living Lab), is proposed as a creative laboratory dedicated to the city of Salerno.
The BLAM collective, at the press conference, will present the next activities to be held in the church: on Sunday, December 23rd, the official opening day, it will be possible to watch the performance / installation The voices of others | to repair the memories by Teatri Sospesi company. The site-specific show by Carlo Roselli, usable by one person at a time, from 7.00pm on Sunday 23rd, starts as a sound project for collecting the Voices of Salerno that from December 24th until January will be possible to hear inside the church.
On the same day, the photographic treasure hunt will end: a walk in the streets of the historic center of Salerno, along whose journey the participants are invited to photograph their point of view on some points of historical and cultural interest in the city.